Nido dell'Aquila (4 agosto 2016)

La nostra esperienza al Nido

Agosto 2016: avendo la possibilità di unire alcuni giorni di ferie al fine settimana, cogliamo l'opportunità per visitare il litorale a sud di Livorno, la famosa Costa degli Etruschi.  

Prendiamo quindi alloggio alla Locanda di Terramare, un B&B naturista a gestione familiare situato sulle prime colline dell'entroterra livornese e il primo giorno ci dirigiamo verso San Vincenzo desiderosi di visitare una delle rare spiagge naturiste ufficiali italiane.

Arrivare alla spiaggia è davvero molto semplice. Usciamo dalla statale Aurelia a S.Vincenzo e seguiamo le indicazioni per il Parco Costiero di Rimigliano.  La strada (Strada Provinciale della Principessa) è un lungo rettilineo che si sviluppa all'interno del parco. Procedendo verso sud, alla nostra destra ci accompagna la vegetazione tipica della macchia mediterranea che separa la strada dalle dune e dal mare. A intervalli più o meno regolari, tra le piante, vediamo partire i sentieri di accesso al mare contrassegnati da cartelli numerati.  Alla spiaggia naturista si accede dal sentiero numero 9 che inizia immediatamente dopo una casa diroccata.  Appeso sotto il cartello con il numero, un ulteriore cartello con scritto "spiaggia naturista" fuga ogni eventuale nostro dubbio.      

Parcheggiamo l'auto sul lato sinistro della strada (il lato destro è a pagamento), prendiamo il sentiero e, dopo un centinaio di metri, entriamo nella vegetazione. Qui il sentiero si fa un po' più stretto ma è comunque agevole e in breve arriviamo ad una duna oltre la quale c'è la spiaggia.  La zona naturista è subito a sinistra, un cartello del comune di S.Vincenzo ne ufficializza l'inizio. Camminiamo per un paio di minuti in modo da portarci più o meno nella zona centrale quindi ci spogliamo, installiamo la tendina anti-vento, stendiamo stuoie e teli da bagno e ci apprestiamo a vivere la nostra giornata naturista al mare.

L'ambientazione è suggestiva e il luogo, nel suo insieme, si presenta abbastanza selvatico:  mare e spiaggia sabbiosa davanti, dune e macchia mediterranea alle spalle.  Nonostante sia il 4 di agosto l'affollamento è accettabilissimo, la spiaggia è larga e lunga e quindi la distanza fra un bagnante e l'altro (coppie come noi, ma anche diversi singoli) è tale da garantire pace e tranquillità a tutti.  Siamo rimasti alcune ore in assoluta tranquillità a mangiare la frutta che avevamo portato con noi e a goderci sole e mare con unici rumori di sottofondo la voce delle onde e il sibilo del vento.  


bandiera-inglese1jpg english translation