Friedrichsbad Baden-Baden (7 luglio 2022)

Baden-Baden è forse la città termale più importante e conosciuta della Germania Sud-Occidentale, situata nella regione del Baden-Wurttemberg, ai margini delle Foresta Nera a ridosso della valle del Reno, può vantare importanti richiami letterari ("Il Giocatore" di  Dostoevskij vi è ambientato) nonchè illustri frequentazioni in periodo romantico:  Lev Tolstoj, Friedrich Nietzsche e Richard Wagner frequentarono la piccola città termale e la resero famosa. 
Le sue acque termali erano già conosciute e sfruttate al tempo dei Romani rappresentano ancora oggi la meta di un turismo attento alla cultura del benessere.

Dopo essere stati a Erding in Baviera e aver visitato le Therme  la seconda parte della nostra "settimana benessere" in Germania ci porta a Baden-Baden.  Tramite web abbiamo prenotato 3 notti in un hotel-garni della zona,  l' Hotel Altenberg , situato nella frazione di Neuweier che, in auto, dista 10 km dal centro (percorso più breve valicando la collina), mentre in bici sono circa 14 km su ciclabile protetta a lato della strada federale (Landstrasse) n. 3.
sito altenberg1JPG
Hotel Altenberg a Neuweier

Arriviamo in Hotel alle 13:30 dopo un lungo viaggio in autostrada (da Erding a Baden-Baden sono 340 Km). I proprietari gentilissimi ci accolgono e ci mostrano la stanza, una ampia matrimoniale al piano rialzato, con salottino e balcone aperto sul giardino interno.  Sistemiamo i bagagli, ci riposiamo un paio d'ore, quindi in auto (il tempo purtroppo minaccia pioggia), partiamo per la città con l'idea di fare una prima visita ai Bagni Romano-Irlandesi.
Arrivati più o meno in zona, seguiamo le indicazioni per i parcheggi delle terme (i più vicini sono Bädergarage che si trova interrato sotto la piazza delle terme e il Vincentigarage sulla strada) lasciamo l'auto e ci presentiamo all'ingresso del Friedrichsbad, l'importante portale dell'ottocentesco palazzo delle terme.

sito friedrichsbad11jpg
l'antico palazzo delle terme

Il costo dell'ingresso ai bagni Romano-Irlandesi è di 32 euro a persona tariffa unica giornaliera (i bagni sono aperti dalle 9 alle 22). Non c'è comunque limite di tempo anche se di solito si esce alla fine del percorso completo che dura 2-3 ore.
Come ben descritto anche sul sito chi accede ai bagni romano-irlandesi non ha bisogno di portare nulla con se:  "Il Friedrichsbad è una piscina per nudisti. Di conseguenza, il costume da bagno non è richiesto. Ti forniamo asciugamani e scarpe da bagno. Le nostre docce sono inoltre dotate di shampoo per capelli e corpo e puoi applicare la nostra crema corpo all'acqua termale sul tuo corpo presso la nostra crème station. Sono disponibili anche asciugacapelli."
Pertanto, dopo aver salito la grande scalinata che porta al piano superiore e varcato il tornello grazie al braccialetto magnetico che ci è stato fornito alla reception, lasciamo i nostri abiti in uno degli armadietti dello spogliatoio e in completa nudità entriamo nella zona termale. 

sito friedrichsbad12jpg
ingresso al piano superiore

Come ben illustrato sul sito il percorso completo è strutturato in 17 "stazioni". 
Iniziamo con la doccia a cascata di acqua termale, poi ci spostiamo nei bagni ad aria calda, due grandi stanze dotate di ampi lettini di legno, irrorate con aria calda a temperatura crescente (54°C la prima e 68°C la seconda), nelle quali si staziona in sequenza rispettivamente 15 e 5 minuti (tempi conseigliati). 
Successivamente il percorso prevedrebbe il massaggio saponato, ma purtroppo causa Covid questa stazione è stata soppressa e quindi passiamo direttamente ai bagni di vapore. Anche in questo caso sono due le stanze con temperatura crescente (si consiglia in sequenza 10 e 5 minuti).
Terminate le sedute nei bagni di aria e vapore, dopo opportuna doccia, entriamo finalmente nelle vasche di acqua termale. Sono 3 piscine di diverse dimensioni e temperature (in questo caso decrescenti) nelle quali ci immergiamo in sequenza: nella prima vasca l'acqua è a 36°C e ci consente un relax quasi onirico; poi passiamo alla seconda vasca, l'idromassaggio termale con l'acqua a 34°C; quindi alla terza vasca, con acqua tenuta a una temperatura di 28°C, la suggestiva piscina circolare che si sviluppa direttamente sotto la grande cupola, nella quale rimettiamo in moto la muscolatura concedendoci qualche breve bracciata.   
Dopo le piscine torniamo nella grande sala docce e alterniamo, diverse volte, doccia calda e bagno shock in acqua fredda a 18°C. Un vero e proprio toccasana per la circolazione che ci causa un piacevole e benefico formicolio sulla pelle. 
Alla fine concludiamo con l'asciugatura grazie al telo caldo fornito dalla operatrice, quindi nella apposita saletta davanti a grandi specchi ci applichiamo la crema idratante su tutto il corpo e ci spostiamo a fare relax, prima nella penombra della sala del silenzio, poi nella luminosa sala lettura dove ci attende un gradito te caldo.

Conclusioni
Avevamo già provato i bagni Romano-Irlandesi alcuni anni fa a Badenweiler , quindi per noi non è stata una novità. Friedrichsbad però ci lascia qualcosa in più dal punto di vista della ambientazione architettonica davvero suggestiva. Un solo rimpianto il non aver potuto effettuare il massaggio saponato. Tempo permettendo, torneremo anche dopodomani in bicicletta (domani proveremo le saune del Caracalla Therme). 


Luglio 2022