Cron4 (26 ottobre 2019)

Essendo in bici in un giro di tre giorni sulle meravigliose ciclabili dell'Alto Adige, cogliamo l'occasione per fare una pausa di relax al Cron4 di Riscone di Brunico, rinomato centro benessere con saune dove eravamo già stati in passato almeno un paio di volte. Abbiamo pedalato per una cinquantina di chilometri sulla ciclabile della Val Pusteria, da Bressanone a Brunico (ieri la tappa che ci ha portato a Bressanone si era conclusa in bellezza all'Acquarena) e pensiamo di meritarci pienamente qualche altra ora di benessere come piace a noi. 
Quello che ricordiamo di positivo del Cron dalle nostre passate frequentazioni sono soprattutto la spettacolarità degli aufguss e la cura del giardino esterno, giardino dove nelle giornate di sole si può stare comodamente in relax a crogiolarsi e abbronzarsi integralmente, mentre di negativo ricordiamo le lunghe code (al freddo in inverno) per accedere alla grande Blocksauna da 70 posti dove si tengono gli aufguss principali.
Abbiamo preso alloggio all'Hotel Reipertingerhof dal quale si può comodamente raggiungere il Cron4 anche a piedi, camminando per circa un chilometro. Ottimo, così possiamo lasciare le bici nel'attrezzatissimo deposito dell'hotel e ricaricare le batterie per il giorno dopo. 

cron71 2jpg
Il sentiero che dall'hotel ci porta al Cron4

Ingresso
A piedi arriviamo all'ingresso in una decina di minuti. Essendo in viaggio in bici, per problemi di spazio nelle borse abbiamo potuto portare con noi un accappatoio in microfibra e un telo da sauna a testa, telo che è rimasto ancora un po' umido dopo le saune del giorno prima a Bressanone. Decidiamo allora di noleggiarne due alla reception. In totale paghiamo per l'ingresso giornaliero 62 euro (31 a persona) poi all'uscita, alla riconsegna dei teli pagheremo altri 8 euro per il noleggio. Dopo aver pagato e ricevuto il bracciale magnetico varchiamo un primo tornello che dà accesso alla struttura e poi un secondo per entrare negli spogliatoi della zona saune. Gli spogliatoi sono due, uno dedicato solo alle donne e uno misto uomini e donne. Noi scegliamo quest'ultimo, ci spogliamo, depositiamo gli abiti civili in due armadietti vicini, quindi entriamo.

Interno
In uscita dalla porta dello spogliatoio ci immettiamo in un piccolo atrio dove a sinistra ci sono i bagni mentre a destra una scala porta al piano superiore (che è accessibile anche dall'esterno), ovvero alle zone relax e al bar. Di fronte, si apre la zona saune interna che è composta da  bagno romano, sauna alle erbe, sauna finlandese, cabina a raggi infrarossi, percorso Kneipp, vasca con acqua fredda, docce e pediluvio.

Esterno
La zona esterna è certamente la più qualificante di tutto il centro. La maggior parte delle saune sono realizzate in strutture a casetta che richiamano lo stile di baita alpina. Sono presenti la grande Blocksauna finlandese 90°C, utilizzata per le gettate di vapore, la sauna “malga alpina”  85°C al profumo di fieno, la sauna vichinga 100°C con trono, un'altra finlandese 90°C con stufa a legna, la sauna seminterrata con mura in pietra 80°C, la biosauna 80°C, una grande vasca di acqua fredda, il percorso Kneipp, il bagno alle braccia Kneipp, 4 capanne con radiazione termica all'infrarosso, vari angoli relax con focolari aperti in modo da scaldarsi nelle giornate più fredde, la casetta per asciugare i teli (utilissima), un ampio giardino con lettini dove si può godere del sole integrale. Ai lati dell'edificio principale una scala metallica porta alla terrazza solarium, anche questa dotata di lettini prendisole, alle zone relax interne e al bar.

Aufguss
Il programma degli aufguss nei giorni prefestivi e festivi è consistente. Grandi monitor sparsi qua e là scandiscono le tempistiche: nella grande sauna centrale c'è una gettata ogni ora, altri aufguss si tengono nella sauna interrata, mentre a cadenza oraria nelle saune umide interne c'è la distribuzione del sale per il peeling. Come ci aspettavamo, gli aufguss principali nella Blocksauna sono molto partecipati, se si vuole trovare posto è necessario mettersi in fila con un notevole anticipo (almeno venti minuti prima). Fortunatamente vediamo che, rispetto alle nostre visite precedenti, la zona antistante la Blocksauna è stata coperta con una tensostruttura sulla quale sono montate diverse lampade ad irradiazione termica che consentono un maggior confort durante l'attesa (prima ci si bagnava in caso di pioggia e si soffriva un po' il freddo...). Riusciamo a partecipare all'aufguss delle 15:00, segnalato con due asterischi che significano "calore moderato", tenuto da Claudio. 

Conclusione
Il Cron4, per quanto riguarda la spettacolarità delle gettate e l'ambientazione caratteristica della sua parte esterna, è certamente tra i migliori. L'unica pecca è che purtroppo non troviamo per niente rilassante dover fare lunghe file sia per partecipare alle gettate (con il rischio di non trovare posto in sauna) che per accedere al punto di ristoro periodicamente allestito dallo staff con distribuzione di bevande calde e merende varie.